Confronta gli annunci

L’Italia ha un patrimonio immobiliare enorme, che però rischia di andare in fumo a causa della sua inadeguatezza ai criteri di sostenibilità ed efficienza energetica.
È il secondo più vecchio al mondo dopo quello tedesco e necessita di una riqualificazione architettonica, estetica, funzionale ma soprattutto strutturale. Il 90% delle case sono in classe D e oltre.
Secondo Thomas Miorin, co-founder di REbuild Italia per ridurre le emissioni di gas serra dell’80% entro il 2050, bisognerebbe intervenire su una casa al minuto.
Ma per farlo bisognebbe ripensare le tecnologie, la filiera e i processi finanziari e amministrativi del settore edilizio. Una sfida alla quale il settore risponde con difficoltà.

Fonte: green.it, Patrimonio immobiliare italiano: verso un futuro più sostenibile

Post correlati

L’aria delle nostre case: quanto è inquinata e come migliorarla

Emicranie, irritazioni cutanee o nasali, occhi che lacrimano, gola irritata. disturbi...

Continua a leggere

La plastica per un cemento ecologico

Parliamo ancora di nuovi materiali costruttivi a basso impatto ambientale. È la volta del...

Continua a leggere

Smart Window: le fineste diventano intelligenti

Negli ultimi anni l’edilizia e l’architettura stanno mettendo in atto sistemi, prodotti e...

Continua a leggere